LA NOSTRA PRASSI PROCEDURALE

 

L’Organismo di Mediazione As-Connet, in accordo con i propri mediatori, segue la seguente prassi procedurale:

 

LA DOMANDA

La domanda (istanza) di mediazione può essere depositata:

  • inviandola direttamente alla sede centrale a mezzo di e-mail (asconnet@as-connet.net // pec: asconnet@pec.as-connet.net )
  • inviandola ad una sede dell’Organismo o ad un mediatore dell’Organismo che la inoltra alla sede centrale per la protocollazione.

La domanda (istanza di mediazione) deve contenere, a pena di irricevibilità:

  • i dati delle parti complete di indirizzo e codice fiscale
  • la pec delle parti da convocare o la pec degli avvocati costituiti in giudizio quando la mediazione è delegata
  • le firme autografe degli istanti
  • i documenti di identità degli istanti compreso la fotocopia del codice fiscale
  • l’oggetto della controversia che deve essere chiaro ed esaustivo e mettere la parte che lo riceve in grado di comprenderlo appieno
  • l’ordinanza del giudice se si tratta di mediazione delegata
  • una breve relazione tecnica sui fatti alla base della controversia (date, luoghi, oggetto e causa del danno di cui si reclama il risarcimento, conteggi o valutazione del danno)
  • l’indicazione del valore della controversia che può sempre essere rivisto dall’Organismo o, successivamente dalle parti in accordo con il mediatore
  • il versamento delle spese di avvio

La domanda è protocollata il giorno stesso del ricevimento o, al massimo, il giorno successivo.

L’Organismo determina la sede, il mediatore, il giorno e l’ora dell’incontro, il luogo dell’incontro, se diverso dalla sede. Normalmente, il giorno dell’incontro è fissato a 20-25 gg dalla data della protocollazione.

L’Organismo provvede ad inviare l’invito a partecipare a mezzo di raccomandata a.r. o pec.

Qualora la domanda sia irricevibile per uno dei motivi sopraelencati l’Organismo  avvisa la parte che l’ha depositata, invitandola ad integrare la documentazione mancante. Sino al pervenimento della stessa resta in sospeso e l’Organismo non risponde delle eventuali prescrizioni o decadenze.

 

ADESIONE AL PROCEDIMENTO

  • la parte invitata per partecipare deve inviare una email al mediatore incaricato per comunicare la sua volontà di partecipare ed eseguire il versamento delle spese di avvio, come indicate nella lettera di convocazione. NON E’ PREVISTO UN APPOSITO MODULO DI ADESIONE.
  • Le parti che non intendono partecipare non possono inviare alcuna dichiarazione in tal senso e, se lo fanno, questa resta agli atti ma non è allegata al verbale né portata a conoscenza, nel suo contenuto, all’altra parte.
  • Richieste di rinvio, di collegamento in videoconferenza ed altre debbono essere inviate direttamente al mediatore incaricato e non alla sede centrale.
  • Le parti debbono partecipare personalmente agli incontri di mediazione assistite dal proprio avvocato. Se la parte non può partecipare personalmente deve rilasciare procura notarile al terzo che la rappresenta anche se questi è il proprio avvocato. Se l’avvocato partecipa in qualità di procuratore deve farsi assistere da altro avvocato. Il mediatore, quando le parti sono assenti, non munite dei necessari poteri o mancano di legittimazione, rinvia l’incontro fissandolo in tempi brevi. Se anche in prosieguo mancano i presupposti di partecipazione il mediatore redige un verbale di NON SVOLGIMENTO della mediazione
  • Le parti chiamate che partecipano al procedimento ma vogliono dichiarare di non voler iniziare la procedura debbono adeguatamente e sostanzialmente motivare il loro rifiuto, specialmente se trattasi di procedimento delegato dal giudice. La motivazione è riportata nel verbale.
  • In caso di assenza delle parti chiamate il mediatore si accerta che abbiano ricevuto l’invito e, se non ne ha certezza, rinvia l’incontro.

Se il mediatore lo ritiene opportuno, a sua insindacabile valutazione, ed anche se parte istante non  è d’accordo, rinvia l’incontro per contattare la parte assente ed invitarla a partecipare. Il contatto può essere preso sia con l’avvocato della parte assente, se conosciuto, sia direttamente con la parte.

 

SVOLGIMENTO DEGLI INCONTRI

La mediazione si svolge, senza formalità, in incontri congiunti o separati, nei tempi e nei modi che il mediatore ritiene più opportuni.

Dello svolgimento degli incontri e delle dichiarazioni delle parti non viene mai redatto verbale ne queste possono essere inserite nel verbale conclusivo stante la assoluta riservatezza del procedimento e la loro inutilizzabilità nel processo.

Se è prodotta documentazione, la parte deve dichiarare se è riservata al solo mediatore o può essere rilasciata anche all’altra parte. In ogni caso non è allegata al verbale conclusivo ed è restituita alla parte che l’ha prodotta al termine del procedimento.

 

Il mediatore, se lo ritiene opportuno ed a suo insindacabile giudizio, può sempre fare una  sua proposta conciliativa, anche in assenza di parte chiamate ed anche se parte istante non la richiede.

La proposta conciliativa deve sempre essere fatta in caso di mediazione delegata.

Se è necessario nominare  un consulente si procede a termine di legge e di regolamento.

 

Durante gli incontri, il mediatore concorda con le parti il valore della controversia, se vi è contestazione sullo stesso.

Determina, a suo insindacabile giudizio, se le parti costituiscano o meno un comune centro di interesse. Se le parti non costituiscono un comune centro di interesse le indennità di mediazione (spese di avvio + spese di mediazione) sono dovute da ciascuna parte per intero.ù

 

VERBALE CONCLUSIVO

Il verbale conclusivo è redatto dal mediatore e il mediatore certifica l’autografia delle parti che lo sottoscrivono.

Oltre quanto indicato supra il verbale non può contenere né possono essere allegate ad esso,  altre dichiarazioni delle parti.

Al verbale è allegato l’accordo conciliativo, la proposta conciliativa del mediatore se non vi è stato accordo, l’eventuale perizia tecnica.

 

Del verbale e dei suoi allegati ne sono fatte tante copie quante sono le parti oltre quella che resta agli atti dell’Organismo. Le copie sono quindi sottoscritte in originale dalle parti e consegnate alle stesse al termine della procedura, lo stesso giorno o immediatamente dopo.

Il verbale non può essere rilasciato alle parti assenti e se non sono stati effettuati i versamenti dovuti.

Una copia è trasmessa alla segreteria dell’Organismo che registra il termine della procedura.

I termini di prescrizione e decadenza, interrotti con la domanda, ricominciano a decorrere dalla data di deposito del verbale presso la segreteria dell’Organismo.

 

Il mediatore avverte le parti che i fascicoli dei procedimenti sono distrutti trascorsi tre anni dal termine della procedura e quindi qualsiasi richiesta riguardo la stessa non potrà essere evasa trascorso tale termine